Home » News Lavoro » economia e risparmio

Reddito di Cittadinanza: il ricalcolo del nuovo importo per il 2021

Come si calcola il valore del Reddito di Cittadinanza nel 2021. Aumenti, diminuzioni e decadenza del sussidio economico per determinati beneficiari

Condividi questo bel contenuto


Nel 2021 per alcuni beneficiari del Reddito di Cittadinanza cambia l’importo percepito. Il ricalcolo dell’assegno terrà conto del nuovo Isee aggiornato. Alcuni nuclei familiari potrebbero aumentare, diminuire o andare a perdere il dovuto per la mancanza dei requisiti richiesti. Ecco come viene calcolato per il 2021 il sussidio economico e come modificarlo.

Reddito di Cittadinanza e ricalcolo dell’assegno

Concorso per operai

Per alcuni beneficiari del Reddito di Cittadinanza a febbraio cambia l’importo del sussidio economico. Infatti, solo le famiglie che hanno un Isee invariato rispetto allo scorso anno, non avranno nessuna alterazione relativa agli importi della misura di sostegno economico. Per gli altri ci potrebbe essere un aumento, una diminuzione del dovuto o addirittura il rischio di perdere il diritto al sussidio nel caso in cui vengono a mancare i requisiti necessari. Infatti, per il ricalcolo l’Inps terrà in considerazione il nuovo Isee con la situazione reddituale e patrimoniale ben aggiornata. Aspettando di scoprire il nuovo importo del Reddito di Cittadinanza percepito nel 2021, andiamo a scoprire le modalità del suo calcolo e come è possibile chiedere ricalcolo più vantaggioso.

Il valore del Reddito di Cittadinanza nel 2021

Nel 2021 i criteri generali per calcolare il sussidio economico non sono cambiati. Questo significa che l’Inps andrà a constatare che il valore Isee sia ancora sotto la soglia dei 9.360,00 euro. Tale valore è quello appositamente indicato dalla normativa vigente che regola il Reddito di Cittadinanza. Nel caso in cui l’Isee dovesse risultare superiore a questa soglia, allora il diritto al sussidio economico decade a causa della perdita dei requisiti necessari. Una volta appurato che il valore Isee sia sotto la soglia prevista, l’Inps procederà con la valutazione delle singole voci in maniera da determinare il reddito del nucleo familiare dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019. Infatti, nell’Isee ordinario vanno presi in considerazione i redditi ed i patrimoni che si riferiscono ai due anni precedenti.

Fatto questo, il reddito familiare si sottrae alla soglia massima prevista per ogni famiglia. Ricordiamo che questa è di 6 mila euro per il singolo individuo mentre per i nuclei familiari numerosi bisogna moltiplicare per il rispettivo parametro di scala di equivalenza. Nella fase di lavorazione del Reddito di Cittadinanza di febbraio, l’Inps prende in considerazione i reddito ed i patrimoni del 2019 andando a ricalcolare l’importo.

Reddito di Cittadinanza ed aumenti

In questo particolare gioco di calcoli e ricalcoli, il valore del sussidio economico aumenterà per chi ha una situazione economica peggiore rispetto gli anni passati. Questi cittadini si trovano quindi in particolari condizioni e per questo necessitano di un maggior sostegno economico. Dall’altra parte, il taglio del Reddito di Cittadinanza è previsto per i nuclei familiari che hanno registrato un aumento del reddito familiare andando a migliorare la propria condizione economica generale. Tali individui non hanno più bisogno di particolari sostegni economici, e dunque al decadere dei requisiti richiesti viene meno anche il diritto a beneficiare del sussidio economico mensile.

Come richiedere il ricalcolo del sussidio

Quando il Reddito di Cittadinanza è particolarmente basso si può chiedere un suo ricalcolo. In particolare se a febbraio vi accorgete che l’ammontare dell’assegno è particolarmente basso e non rispecchia la vostra condizione economica, avete la possibilità di chiedere un nuovo ricalcolo effettuato con il cedolino di marzo. Per fare questo bisogna presentare l’Isee corrente, che tiene conto della situazione economica più recente riferita al 2020. Dunque, nel caso particolare in cui la vostra situazione economica del 2019 sia migliore rispetto a quella del 2018 e 2020, vi conviene richiedere l’Isee corrente, così da poter beneficiare dal prossimo mese di un ricalcolo più favorevole alla vostra condizione. Avere la possibilità di usufruire di particolari misure di sostegno al reddito è di particolare importanza, soprattutto in periodi di crisi, difficoltà lavorative ed economiche.

Condividi questo bel contenuto