Home » News Lavoro

Riders: estese le tutele del lavoro subordinato. Trovato l’accordo di maggioranza

Le tutele per il lavoro subordinato si estendono anche ai riders, oltre ad altre tutele e diritti. Raggiunto l’accordo di maggioranza che pone un punto sulla delicata questione

Condividi questo bel contenuto


Finalmente è stato trovato l’accordo di maggioranza per quanto riguarda le tutele connesse ai riders. A questi saranno estese le tutele vigenti per il lavoro subordinato, oltre ad altre tutele minime ed indispensabili sulla salute, sicurezza, paga minima oraria collegata al contratto CCNL e tanto altro. A darne conferma lo stesso Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

lavorare come fattorino

Raggiunto l’accordo di maggioranza sulla questione riders

Arrivano delle interessanti novità per quanto riguarda i riders, per intenderci, i giovani che vediamo girare per le città in bicicletta o motocicli impegnati nella consegna di merce. Una vera e propria categoria di lavoratori che purtroppo non è stata tutelata nel miglior modo possibile, facendo calare un caos totale sulla loro posizione ed inquadramento professionale, oltre che per quanto riguarda paga ed orario lavorativo. Oggi la situazione cambia, in quanto è stato trovato l’accordo di maggioranza, che introduce novità e maggiori tutele per la categoria sopra citata. Come lo stesso Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali afferma, l’emendamento sarà presentato al “Decreto Crisi” attualmente in discussione al Senato e prevede l’estensione anche ai riders delle tutele del lavoro subordinato. Un importante traguardo raggiunto dai tanti ciclo-fattorini che hanno letteralmente invaso le nostre città da ormai qualche anno.

Nuove tutele per i riders

Dunque il tanto atteso accordo di maggioranza è stato finalmente raggiunto, apportando modifiche di notevole rilievo per quanto riguarda la delicata questione riders. In particolare, tra le novità in questione:

  • ai riders impiegati in maniera continuativa, alle dipendenze di un datore di lavoro, saranno estese le tutele connesse al lavoro subordinato;
  • ai riders che lavorano in maniera discontinua ed occasionale, secondo i parametri del lavoro autonomo, verrà introdotto un pacchetto di tutele, che vanno dal divieto di cottimo, paga minima oraria connessa ai contratti collettivi CCNL, ma anche salute, sicurezza e varie tutele previdenziali. A questo pacchetto di diritti inderogabili, può affiancarsi una specifica regolamentazione con la stipula di contratti collettivi.

A dare la notizia di questo importante traguardo raggiunto dai riders è stato lo stesso Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, attraverso la conferenza stampa del 4 ottobre 2019. Inoltre, è prevista anche un’indennità integrativa per quanto riguarda il lavoro notturno, festivo oppure in condizioni meteo particolarmente sfavorevoli. Questa indennità non deve essere inferiore il 10%.

Riders: l’obiettivo principale a cui mira l’intervento

Si tratta dunque di un significativo e tanto atteso intervento, che finalmente giunge. Il suo scopo principale è soprattutto quello di andare a stimolare, anche in questo particolare e nuovo settore professionale, la contrattazione collettiva, con il compito primario di regolamentare e definire la figura dei riders. Una figura professionale per troppo tempo lasciata in balia di se stessa, senza un giusto inquadramento legislativo e dunque senza le dovute tutele, per quello che comunque è un vero e proprio lavoro. Nunzia Catalfo, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali ha espresso tutta la sua soddisfazione perché finalmente anche i riders potranno godere di maggiori tutele e diritti.

Ogni tipologia di professione deve essere tutelata, così come ad esempio i lavori gravosi, notturni e particolarmente pericolosi. Il buon funzionamento di uno Stato passa anche attraverso la tutela del lavoro e dei lavoratori stessi. Dunque, qualsiasi tipologia professionale, da quella più prestigiosa a quella più semplice ed occasionale, deve essere assistita, ossia deve poter godere di diritti inderogabili ed essenziali, in modo da garantire una giusta paga, buone condizioni di lavoro, la disponibilità di strumenti per poter compiere le proprie mansioni e molto altro ancora. Oggi anche i riders possono beneficiare di tutto ciò, fissando un punto importante nella loro storia professionale.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze: Registrati su Euspert Bianco Lavoro

Condividi questo bel contenuto