Semplificare le scadenze fiscale per autonomi. La proposta dell’Agenzia delle Entrate

La proposta dell'Agenzia delle Entrate per un Fisco più semplice, risolvendo il problema delle scadenze fiscali

Sono molti e frammentati gli appuntamenti annuali con il Fisco. Tante le scadenze da dover rispettare, i tributi da dover pagare, le tasse più svariate che gravano sulle spalle dei contribuenti, in particolar modo sulle Partite Iva. Dall’Agenzia delle Entrate arriva una proposta per un nuovo sistema fiscale che possa sostenere le imprese presenti sul mercato. Semplificazione delle scadenze e creazione di un sistema che favorisca liquidità ed investimenti. Vediamo di cosa si tratta.


Verso una fiscalità più semplice

pace fiscale

Sono tanti e forse troppo scaglionati gli appuntamenti dei contribuenti con il Fisco. Spesso ricordare e rispettare tutte le scadenze e le tasse da dover versare diventa abbastanza pesante e difficile da parte dei contribuenti ed in particolar modo degli autonomi possessori di Partita Iva e professionisti. Una burocrazia complessa che andrebbe rivista, semplificata, resa più intuitiva ed efficace. Stop con il Fisco basato su saldi ed acconti, alla miriade di scadenze differenziate per imposta, tributo e bollo. Dall’Agenzia delle Entrate arriva una proposta che potrebbe davvero essere rivoluzionaria, che punta ad una semplificazione burocratica, delle scadenze ed all’istituzione di un sistema capace di favorire la liquidità e gli investimenti. Una notizia positiva per i tanti contribuenti, con un notevole alleggerimento delle scadenze con il Fisco.

Primo step: semplificare la burocrazia

Il primo passo da fare per arrivare ad una nuova fiscalità è quello di semplificarla. A spiegare il tutto è stato il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, il cui obiettivo è quello di semplificare le scadenze in maniera tale da radunare più adempimenti fiscali in una sola rata. Si eviterebbero ulteriori beghe e scocciature per le Partite Iva, che in questo modo, in una sola rata mensile o trimestrale (nel migliore dei casi), potranno adempiere a più obblighi con il Fisco.Dunque, un passo indispensabile, per fare ordine nella giungla di adempimenti fiscali e delle scadenze da dover rispettare in maniera tassativa. Tuttavia, solo questo non basta per arrivare ad un nuovo e più semplice sistema fiscale.

Stop ai saldi ed acconti

Il progetto verso un Fisco più semplice, si traduce nella fine del meccanismo di acconti e saldi, la ritenuta sui redditi di lavoro autonomo. In questo modo si eviterebbe la nascita di crediti d’imposta versati per eccesso, che in un secondo momento il Fisco dovrebbe restituire al mittente, attraverso un fitto ed articolato sistema di rimborsi. Non è tutto, in quanto l’idea dell’Agenzia delle Entrate viaggia anche verso un Fisco automatizzato ma allo stesso tempo ben controllato e gestito.

Nuova fiscalità: verso l’automatizzazione

Altro step molto importane da dover compiere se davvero si vuole arrivare ad un nuovo sistema fiscale è quello di rendere tutto automatico, ma allo stesso tempo controllato. Per la precisione il Fisco va a calcolare l’ammontare delle tasse, chiedendo al contribuente in questione l’ok per il prelievo automatico del dovuto. In alternativa a questo sistema, c’è la possibilità al riconoscimento di un credito per le scadenze successive. Tutto questo consentirebbe di ridurre gli appuntamenti con il Fisco arrivando ad uno al mese, con il sistema generale che si andrebbe a semplificare ulteriormente, evitando la congestione delle scadenze fiscali.

Più liquidità ed incentivi agli investimenti

Oggi più che mai è importante far ripartire e risollevare l’economia del nostro Paese, mettendo in campo tante misure e strategie. Per questo, l’Agenzia delle Entrate pensa ad un sistema che possa garantire la liquidità alle imprese e di conseguenza incentivare agli investimenti. Importante poter garantire l’immediata deducibilità degli investimenti, in maniera tale da poter risolvere molte problematiche legate alla liquidità, che gravano sulle spalle delle imprese. Si tratta di una serie di proposte che hanno come scopo finale quello di creare un sistema fiscale più semplice, meno articolato e soprattutto risolvere la questione connessa all’ingorgo delle scadenze fiscali, non solo odierne ma anche future.

CATEGORIES
Share This

Commenti