Andare a lavoro a piedi o in bicicletta riduce il rischio di morte precoce. I risultati della ricerca

I risultati di una ricerca parlano chiaro: andare a lavoro a piedi o in bicicletta diminuisce il rischio di morte precoce. Ecco perchè

Andare a lavoro a piedi oppure in bicicletta riduce il rischio di morte precoce causata da varie malattie. Questo il risultato di un’interessante ricerca condotta dall’Università di Cambridge sui pendolari in Inghilterra e Galles. Ecco perché bisognerebbe lasciare la macchina a casa e scegliere altri mezzi di trasporto per recarsi in ufficio.


Andare a lavoro a piedi, in treno o in bicicletta fa bene alla salute

Interessanti dati arrivano da una ricerca condotta dai ricercatori dell’Imperial College di Londra e dell’Università di Cambridge. Questi, hanno effettuato lo studio su circa 300 pendolari in Inghilterra e Galles, scoprendo delle cose davvero interessanti. C’è una correlazione tra i mezzi che adoperiamo per andare a lavoro e la salute. Per intenderci, secondo lo studio in questione, andare in ufficio ogni giorno a piedi, in bicicletta o in treno diminuisce il rischio di morte precoce causata da varie malattie. Un dato rivoluzionario, che soprattutto nel periodo di emergenza sanitaria, aiuta ad aprire nuove riflessioni sulla mobilità. Lo studio completo è stato pubblicato sul The Lancet Planetary Health, ed è andato ad adoperare i dati relativi il censimento della durata di 25 anni, dal 1991 al 2016.

I risultati della ricerca

Vediamo di capire qualcosa in più, riportando in maniera più specifica i risultati della ricerca. Rispetto ai lavoratori che ogni mattina guidano per andare a lavoro, i pendolari, hanno registrato un rischio ridotto del 20% di morte precoce. In particolare, questi lavoratori hanno registrato un tasso di morte per malattie cardiovascolari ridotto del 24%, ed ancora, un tasso di morte per cancro ridotto del 16%. Lo studio ha preso in considerazione anche i pendolari che si recano a lavoro in treno. Questi hanno registrato un riduzione del rischio di morte precoce del 10%, con un tasso ridotto del 20% per malattie cardiovascolari e del 12% a causa del cancro. Statistiche davvero interessanti che ci fanno ben capire quanto un po’ di moto quotidiano sia importante per il nostro benessere

Andare a lavoro facendo un po’ di movimento

Sorge spontanea una domanda. Perché i dipendenti che si recano a lavoro a piedi, in bici o in treno hanno un basso rischio di morte precoce? Ebbene, alla base di tutto questo c’è l’importanza del movimento. Chi raggiunge il luogo di lavoro a piedi, in bici, oppure cammina per arrivare in stazione, fa moto che è importantissimo per la nostra salute. Chi esce di casa e si siede in auto, per poi passare tutto il giorno seduti ad una scrivania, non fa alcun tipo di movimento, cosa che a lungo termine può comportare l’insorgere di vari disturbi e malattie, che possono portare anche alla morte. Uno studio che ha messo in risalto quanto sia indispensabile concedersi ogni giorno un po’ di movimento all’aperto, in maniera da rigenerare il corpo ma anche la mente.

Lavoro e mezzi di trasporto ai tempi del Coronavirus

Tutti noi dobbiamo andare a lavoro ogni giorno, ed ognuno di noi a seconda delle proprie esigenze sceglie differenti mezzi di trasporto. Dalla macchina al treno, dall’autobus alla bicicletta fino a decidere di spostarsi a piedi nel caso in cui si vive vicino al luogo in cui si lavora. Con l’arrivo del Coronavirus, anche le modalità di spostamento oltre all’organizzazione del lavoro ha subito dei cambiamenti. Infatti, oggi, chi può predilige lo smart working, lavorando da remoto senza dover uscire di casa. Altri stanno optando sempre di più per biciclette, monopattini ed altri mezzi di trasporto green. Ricordiamo che il decreto rilancio ha messo a disposizione il Bonus biciclette, sostenendo le spese per l’acquisto di queste. Incentivare la gente a spostarsi a piedi o in bicicletta, farà bene non solo alla salute, ma anche all’ambiente e consentirà di diminuire ulteriormente il rischio di contagi.