Bonus sanificazione in scadenza il 7 settembre: come richiederlo

C’è tempo fino al 7 settembre 2020 per richiedere il bonus sanificazione. Le novità dell’Agenzia delle Entrate e come fare domanda

Si avvicina la data di scadenza del bonus sanificazione, fissata al 7 settembre 2020. Ultimi giorni per poter inviare la domanda e beneficiare delle agevolazioni economiche previste da tale misura. Ecco tutte le novità, come funziona il bonus e come farne richiesta entro il termine previsto.


Che cos’è il bonus sanificazione

Il bonus sanificazione è un’agevolazione rivolta ai datori di lavoro per salvaguardare la salute dei dipendenti ed adeguare i locali alle nuove norme sulla sicurezza. La misura è stata introdotta dal Governo a seguito della pandemia da Coronavirus, che ha completamente cambiato il nostro modo di vivere, di lavorare e di relazionarci con gli altri. Si tratta di una misura il cui scopo è quello di contenere il contagio, garantendo la distanza di sicurezza tra i lavoratori, la sanificazione dei locali e l’applicazione di tutti i dispositivi di sicurezza previsti dalla legge. Il bonus sanificazione è riconosciuto tramite credito d’imposta in relazione alle spese sostenute e documentate nella misura del 60% per una spesa massima di 60 mila euro per ogni soggetto.

Su quali spese si applica il bonus

Il bonus sanificazione come credito d’imposta del 60% si applica in differenti casi. In particolare questo spetta per:

  • le spese connesse alla sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro;
  • l’acquisto dei vari dispositivi di sicurezza previsti dalla legge: mascherine chirurgiche, Ffp2, Ffp3, visiere protettive, guanti, tute, occhiali;
  • spese connesse all’acquisto di detergenti mani e disinfettanti vari;
  • acquisto di altri dispositivi di sicurezza, come pannelli e barriere protettive.

Dunque, il bonus sanificazione si applica per le spese legate sia alla sanificazione degli ambienti che all’acquisto dei dispositivi di sicurezza.

Bonus sanificazione in scadenza il 7 settembre

Si avvicina la data di scadenza del bonus sanificazione fissata al 7 settembre 2020. Ultimi giorni per poter presentare la domanda e beneficiare delle agevolazioni fiscali previste. Infatti, a breve la procedura telematica per accedere al bonus sarà chiusa. L’Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti attraverso la circolare 25/E del 20 agosto 2020. Per accedere al bonus è necessaria l’apposita certificazione attestante le spese di sanificazione sostenute dalle imprese e dai professionisti. Non rientra nel bonus la pulizia dei condizionatori. L’11 settembre 2020, l’Agenzia delle Entrate comunicherà l’importo del credito d’imposta effettivamente fruibile. Di fatti, un provvedimento andrà a stabilire in base alle domande pervenute, entro il limite dei fondi disponibili (200 milioni di euro per il 2020), la percentuale di bonus spettante alle imprese.

Le novità sul bonus sanificazione

Come accennato in precedenza, la circolare 25/E del 20 agosto 2020 ha introdotto due importanti novità. In particolare:

  • le imprese di pulizia e professionisti che effettuano l’operazione di sanificazione, devono rilasciare una certificazione attestante che le attività svolte sono in linea con quelle previste ed indicate nel “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” ;
  • la pulizia dei condizionatori con rientra nel bonus, per cui si tratta di spese che non devono essere indicate in fase di richiesta bonus sanificazione.

Si tratta di chiarimenti molto importanti, che i soggetti interessati devono ricordare nel momento in cui procedono con la compilazione della domanda di accesso al bonus sanificazione.

Chi può presentare la domanda e come

Il bonus sanificazione è stato appositamente pensato per sostenere le piccole e medie imprese che hanno avuto notevoli ripercussioni a causa del Coronavirus. Queste ora devono adeguarsi alle nuove normative sulla sicurezza se vogliono continuare la loro attività professionale. Possono richiedere il bonus tutti i soggetti esercitanti attività d’impresa, arte o professione ma anche associazioni, fondazioni ed enti privati compresi quelli del terzo settore. Le agevolazioni servono a sanificare gli ambienti di lavoro e comprare tutti i dispositivi di sicurezza previsti. La domanda con le spese sostenute deve essere inviata online tramite l’apposito servizio sul sito dell’Agenzia delle Entrate seguendo le indicazioni per la compilazione ed inoltro della richiesta.