Comunicazione assertiva, 5 modi per prendere il controllo della conversazione

La comunicazione assertiva serve per raggiungere i propri scopi in maniera amichevole. Non tutti sono in grado di utilizzarla in maniera naturale, ma si può tranquillamente imparare.

Se senti sempre dire “la comunicazione è tutto”, beh è vero, peccato che non tutti siano nati con grandi doti comunicative. Eppure persone come Steve Jobs hanno fatto della comunicazione la loro arma migliore, Come? Con ore e ore di pratica davanti allo specchio e con amici e colleghi di un certo tipo di comunicazione, quella assertiva, tra le più importanti di tutte.


Che cos’è la comunicazione assertiva e  perché ne abbiamo bisogno

Essere gentili è un aspetto importante sul posto di lavoro, anche culturalmente parlando ed è una forza che dobbiamo sfruttare. Non significa essere sottomessi  e non significa cancellare il rispetto per gli altri, ma incrementare quello che abbiamo per noi stessi. Avere una comunicazione assertiva significa essere diretti e rispettosi nello stesso tempo. Si basa sul rispetto reciproco. Rispetti te stesso perché fai capire i tuoi interessi, ma nello stesso tempo rispetti anche il tuo interlocutore perché sei attento alla volontà degli altri ed a risolvere i conflitti.

Può essere un valore difficile da instillare, ma sempre più aziende stanno facendo sforzi in questo senso. Questo sviluppa una cultura del lavoro che promuove l’assertività piuttosto che il restare inattivi in attesa delle indicazioni del capo.  Questo è molto importante in un tempo in cui la leadership si sta muovendo in un senso meno gerarchico e più coinvolgente verso l’intero team di lavoro.

comunicazione assertiva

Comunicazione Assertiva paragonata con  Aggressiva e Passiva

La comunicazione assertiva può essere scambiata per aggressiva, ma non c’è niente più lontano dalla verità. Se mettiamo ai due poli quella aggressiva e quella passiva, se usi la prima sarai evitato dai tuoi colleghi perché spaventati dal tuo modo di discutere e usi la seconda vuol dire che sei abituato a dire sempre sì, anche quando le cose sono oltre le tue possibilità. Sei troppo gentile per essere odiato, ma non sarai comunque rispettato.

Vediamo ora quali sono le 5 tecniche di comunicazione assertiva che possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi

  • Avere in mente un obiettivo chiaro. Come in quasi tutto quello che fai, devi avere uno scopo chiaro in mente e perseguirlo, chiedendo a qualcuno. Può essere che dovrai usare più di una ragione, ma saranno tutte finalizzate allo scopo finale. Dopo, chiedi come completare la conversazione e infine come raggiungere lo scopo. Da quello che esce dalla conversazione puoi capire se la cosa è favorevole a te e quindi stai andando nella giusta direzione oppure no e quindi evitare tutta una serie di sforzi inutili
  • Parla raramente, ascolta sempre. Molte persone sono convinte che ha ragione chi parla di più, ma non è vero. Nella maggior parte dei casi chi ascolta è avvantaggiato su chi parla. Questo perché a chi parla mancheranno delle informazioni fondamentali. Una buona percentuale è 80/20 ovvero ascoltare per l’80% del tempo e parlare per il restante 20%. Questa tecnica è usata ad esempio dai venditori per capire esattamente ciò che vuole il cliente.
  • Racconta una storia. Parlare è differente da comunicare. Vendere un’idea non significa solamente mostrare prospetti e statistiche. Devi invece avere una storia da raccontare, che sia incastonata con quei prospetti e quelle statistiche per avere buone possibilità di essere preso in considerazione. Le persone rispondono ai brand a seconda di quali storie essi raccontano loro.
  • Ricolloca le tue vedute in maniera che siano più alla mano. Senza la giusta via di comunicare, inconsapevolmente potresti cambiare il potere della tua conversazione. E la cosa potrebbe non finire bene per te. Quando stai ad esempio negoziando i paletti oltre i quali non si può andare. Se ad esempio il tuo capo vuole un lavoro fatto in un tempo che tu sai già non essere possibile se si vuole la qualità, è inutile fare un lavoro mediocre. Lo sforzo deve essere quello di allineare ciò che devi fare tu con quello che vuole il tuo capo. Nel peggiore dei casi quest’ultimo ti ignorerà, ma almeno ci avrai provato. Ma se il tuo capo dovesse ascoltarti, non solo avrai più tempo per fare un lavoro migliore, ma anche lui potrà mostrare risultati migliori ai clienti.
  • Usa un linguaggio del corpo che trasuda confidenza. Siccome non tutti sono nati con le abilità di conversazione fino ad ora descritte, c’è da dire che un’altra arma da utilizzare è il corpo. Con il linguaggio del corpo puoi far trasparire la tua affidabilità. Inoltre è un qualcosa su cui puoi lavorarci sopra. Devi stare molto attento a tutte le piccole cose che fai (come ad esempio battere il piede ripetutamente). Mantieni una posizione dritta ma che sia rivolta verso la persona con cui devi parlare, per far vedere che sei ben disposto verso di lui. Mantieni una buona espressione del viso e non incrociare gambe o braccia. Un’altra cosa importante è quella di non perdere mai il contatto visivo, altrimenti sembra che stai scappando e la cosa può diventare sospetta, anche se non lo devi fissare molto a lungo. 3-5 secondi e poi una pausa può andare benissimo.
  • Metti tutto insieme. Riuscire a mettere insieme tutte queste caratteristiche farà di te un ottimo conversatore, certamente non è un’operazione facile e bisogna studiarci su, ma tieni presente che non serve solo per vendere ma in ogni ambito della vita comunicativa. Esistono poi dei corsi e dei seminari che, se vuoi davvero diventare qualcuno nella comunicazione di tutti i giorni ti consiglio di seguire.

E tu come comunichi?

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati su Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito):

SI, voglio offerte di lavoro



CATEGORIES
Share This