Laurea in DAMS: percorso di studi e sbocchi lavorativi

Quali sono le materie da affrontare nel corso di laurea in DAMS. Quali tipi di percorsi è possibile studiare e quali gli sbocchi lavorativi. Durata e scelta della giusta università

Il tuo sogno è quello di avere una carriera nel mondo dello spettacolo? Vorresti trovare un impiego nel settore della moda? Desideri occuparti dell’organizzazione di eventi? Allora la laurea triennale in DAMS è proprio quella che fa al caso tuo.


Laurea in DAMS: la struttura del corso

Laurea in DAMS

Quando parliamo di DAMS ci riferiamo alle Discipline delle Arti, della Moda e dello Spettacolo. Si tratta di un percorso di studi creato ad hoc per tutti coloro che vogliono avere una formazione di tipo umanistico ma soprattutto con un indirizzo creativo e artistico. Durante i tre anni universitari avrai la possibilità di sostenere gli esami che più si avvicinano alle tue passioni: in questo modo avrai la possibilità di acquisire quelle skills necessarie ad avvicinarti quanto più possibile al settore in cui sogni di lavorare.

La Laurea in DAMS è un percorso accademico che si può suddividere in due fasi: la prima riguarda la triennale (con raggiungimento di 360 CFU) mentre la seconda è la specialistica (con ottenimento di 180 CFU), in cui potrai acquisire un focus più preciso nelle materie professionalizzanti.

Nel corso di laurea triennale avrai la possibilità di avvicinarti a materie di base, come letteratura, storia e lingue straniere, ma anche ad esami che approfondiscono tematiche di tipo artistico come tecnologie multimediali, psicologia della comunicazione, web design, storia della fotografia e filmologia.

Durante gli anni accademici avrai la possibilità di partecipare a lezioni di tipo frontale, ossia quelle in cui il professore presenta il programma d’esame davanti ai propri studenti. Non solo: ti sarà possibile partecipare a seminari e conferenze che fanno un focus approfondito sulle tematiche di indirizzo del corso di laurea.

Come accedere al corso di Laurea in DAMS

Il corso di Laurea in DAMS si presenta in diverse varianti, in base all’ateneo a cui vi siete iscritti. In alcuni casi per accedere vi basterà provvedere all’immatricolazione, mentre in altri è necessario superare il test di ingresso.

L’esame di ammissione si svolge generalmente in agosto o in settembre ma, in ogni caso, prima dell’inizio dell’anno accademico. Ogni studente ha a disposizione un’ora di tempo per rispondere a dei quesiti di cultura generale, comprensione del testo, storia contemporanea e lingua italiana a risposta multipla. In seguito verrà stilata una lista con i nominativi degli studenti che hanno conseguito i punteggi più alti.

Ti consigliamo di tenere monitorata la pagina relativa al corso di laurea in modo da capire quali sono le date dei prossimi test di ingresso e quali sono le materie specifiche su cui verterà il test. Ti ricordiamo, inoltre, che il numero limitato nelle ammissioni non è una prerogativa di tutti gli atenei. 

Come prepararsi al test d’ingresso

Nel paragrafo precedente abbiamo parlato della possibilità di ritrovarsi alle prese con il test di ammissione per l’immatricolazione al corso di Laurea in DAMS. Questa prerogativa non è di tutti gli atenei, ma se avete deciso che questo percorso di studi è quello che fa al caso vostro, è giusto non farsi prendere impreparati.

Prima di tutto, partiamo dal presupposto che il DAMS riguarda per lo più materie umanistiche. Questo significa che se hai avuto alle superiori una formazione come quella che si ha al liceo classico, sarai probabilmente più avvantaggiato. Ma non è detto. Gran parte della fatica dipende dalla tua predisposizione. Potresti avere un diploma da ragioniere ma amare la scrittura e l’arte oppure aver studiato greco e far fatica ad articolare un testo di media lunghezza in un italiano impeccabile.

E’ proprio per questo motivo che per superare brillantemente il test d’ingresso, ti consigliamo di focalizzarti per lo più su nozioni di cultura generale e cercare di colmare eventuali lacune grammaticali e di ortografia. Per aiutarti a capire a che punto è il tuo livello di conoscenza, ti consigliamo di utilizzare le prove d’esame degli anni precedenti, facilmente reperibili in rete. 

I curricula disciplinari

Come abbiamo anticipato in precedenza il corso di Laurea in DAMS prevede la possibilità di scegliere degli esami che siano utili a farti acquisire le skills necessarie a entrare a far parte del settore lavorativo che più ti interessa. Possiamo, quindi, affermare che esistono dei curricula disciplinari all’interno del percorso in Discpline Artistiche e dello Spettacolo tra cui potrai scegliere e che si possono dividere in:

  • Moda;
  • Turismo;
  • Comunicazione;
  • Design;
  • Arte.

All’interno di ogni curriculum disciplinare sono predisposti degli esami professionalizzanti che ti permetteranno di approfondire le materie da vicino. In questo modo, una volta conseguita la laurea potrai sentirti adeguatamente preparato per il mondo del lavoro.

Lezioni da frequentanti e impegno allo studio

Una delle dicerie che abbiamo sentito con maggiore frequenza è quella relativa alla mole di studio e di impegno degli studenti di DAMS considerata da molti come inferiore rispetto alle più altisonanti lauree in ingegneria o economia. Ebbene, non è niente di più falso.

La laurea è facile solo per chi ama quello che sta studiando. Ovvio è, quindi, che se adori l’arte, la moda e il cinema, ti risulterà molto più semplice memorizzare i programmi d’esame di questo corso di laurea. Ma questo non vuol dire assolutamente che chi si iscrive a questo percorso di studi è un universitario di serie B. E, anzi, prendere sotto gamba le lezioni può metterti in cattiva luce dapprima con i docenti e in secondo luogo rischia di farti perdere tempo per nulla. Ti potrà accadere di avere la possibilità di sostenere un esame senza aver frequentato le lezioni, ma ti consigliamo di concordare il materiale di studio insieme al docente, che sicuramente ti integrerà con altri tomi e dispense rispetto a quelli degli studenti frequentanti.

Corso di Laurea in DAMS: quale ateneo scegliere?

Il corso di Laurea in DAMS è disponibile nell’offerta formativa di diversi atenei italiani, dislocati nel territorio nazionale. Si tratta di un’opportunità unica per intraprendere questo percorso accademico non dovendo necessariamente spostarsi troppo distante da casa. Ma quali sono le università che propongono questo corso di laurea?

  • Università degli Studi di Bologna;
  • Università degli Studi di Cagliari;
  • Università degli Studi di Firenze;
  • Università del Salento;
  • Università degli Studi di Messina;
  • Università Cattolica del Sacro Cuore;
  • Università degli Studi di Padova;
  • Università degli Studi di Palermo;
  • Università di Pisa;
  • Università degli Studi di Roma “La Sapienza”;
  • Università degli Studi Roma Tre;
  • Università degli Studi di Salerno;
  • Università degli Studi di Teramo;
  • Università degli Studi di Torino;
  • Università degli Studi di Udine

Come superare la prova finale

Per accedere alla prova finale è indispensabile aver ottenuto tutti i CFU necessari attraverso il superamento degli esami obbligatori e facoltativi previsti nel piano formativo dell’anno accademico in corso. Il numero può differire da un ateneo all’altro, ma di solito stiamo parlando di 174 CFU (tutto dipende dai crediti attribuiti ad ogni materia). 

A questo punto, potrete mettervi all’opera per la realizzazione della tanto sognata tesi di laurea. Innanzitutto ti consigliamo di individuare il docente con cui più ti riconosci, in modo da avere maggiore sintonia durante le comunicazioni. In secondo luogo, cerca di capire quale possa essere un argomento di tuo interesse che vuoi trattare più approfonditamente. Concorda, infine, con lui ogni punto dell’elaborato e la metodologia di sviluppo, quindi inizia a mettere giù nero su bianco quello di cui vuoi parlare. 

La tesi di laurea può essere svolta in modalità diverse. Potrà riguardare la case history di un brand o una corrente artistica. Ma può anche focalizzarsi sulla storia di un artista in particolare o la storia di un programma televisivo. Oppure la filosofia legata ad un film. E, perchè no, anche un progetto start up di tua ideazione e creazione.

Gli sbocchi professionali

Una volta terminato il corso di Laurea in DAMS, le possibilità che ti si prospetteranno sono le più diverse. Se hai intenzione di proseguire il tuo percorso formativo, ad esempio, potrai accedere in automatico alla relativa laurea specialistica. O, in alternativa, potrai sempre optare per qualche master o corso professionalizzante nel settore delle Arti e dello Spettacolo. In questo modo, avrai la possibilità di risultare ancora più competitivo al momento della ricerca di un impiego.

Se, invece, vuoi buttarti a capofitto nel mondo del lavoro, hai la possibilità di scegliere di accedere a diverse professioni come, ad esempio:

Quelle che vi abbiamo segnalato sono solamente alcune delle professioni che si possono intraprendere una volta conseguito il corso di Laurea in DAMS. Non dimenticare, però, che qualsiasi sia il lavoro che vorrai fare in futuro dopo l’università è di tipo artistico e, pertanto, prevede una certa costanza nell’autoformazione e molta gavetta. 

L’esperienza all’estero

Come accade per moltissimi percorsi accademici, trascorrere un periodo di studio all’estero attraverso le diverse borse di studio proposte in ateneo può rivelarsi essere la chiave di svolta a livello personale e lavorativo che potrà farti davvero la differenza.

Apprendere molto bene una lingua straniera, così come rapportarsi con usi e costumi di un altro paese che non sia il nostro è un vantaggio che ti potrà tornare davvero molto utile al momento in cui starai cercando lavoro dopo gli studi. Non solo. Studiare all’estero ti permetterà di aprire la mente verso nuove prospettive e ti consentirà, di conseguenza, di aumentare i tuoi sbocchi professionali oltre frontiera. Dopo un’esperienza del genere sarà di gran lunga più facile trovare un impiego al di fuori dell’Italia.

Testimonianze di studenti e laureati

Ho raccolto qui di seguito alcune testimonianze non solo di studenti ma anche di laureati in DAMS i quali hanno espresso le loro difficoltà ma anche i loro successi per potersi affermare nel mondo del lavoro.

Lucia, 30 anni – Bologna. La laurea triennale in DAMS non mi è servita a molto, ma devo ammettere che senza questi tre anni di università non avrei mai potuto iscrivermi alla specialistica. E ad essa sono legati i ricordi più belli che ho. Una volta terminati gli studi ho lavorato nel cinema, alla Mostra del cinema di Venezia e ho scritto una scenografia per un programma tv. Non mi sono mai pentita della scelta che ho fatto che, anzi, consiglio a chiunque.

Laura, 29 anni – Milano. Mi sono iscritta al DAMS perché amo l’arte sotto ogni sua forma. Oggi mi occupo di organizzazione di eventi e devo dire che, senza la formazione in cultura generale che ho appreso all’università, non sarei mai potuta essere dove sono oggi. Se devo dare un consiglio a chi si iscrive al DAMS è quello di approfittarne per visitare mostre e creare contatti che sono utilissimi quando dovete cercare un lavoro.

Jacopo, 31 anni – Roma. Quando mi sono iscritto al DAMS ho scelto il percorso di cinema perchè mi piaceva molto questo settore e volevo approfondirlo quanto più possibile. Devo dire, però, che le cose che ho imparato non mi sono servite nella vita a livello pratico. Tanto meno nel lavoro, soprattutto considerando che sono un programmatore informatico. Negli anni, poi, i miei interessi sono cambiati, quindi devo considerare questa laurea come inutile. Almeno per me.