Lavorare nel settore petrolifero e del gas del Kazakistan: è una realtà o un sogno?

In Kazakistan è possibile trovare lavoro anche per gli stranieri. Sono tante le opportunità nel settore petrolifero e del gas. Scopriamo come fare a candidarsi

Una caratteristica distintiva del lavoro in Kazakistan per gli stranieri e, ad esempio, del lavoro nella maggior parte degli altri paesi del mondo è che essi dovranno lavorare non nelle grandi città, ma in luoghi remoti. Poiché gli stranieri sono principalmente attratti dal lavoro nel settore del petrolio e del gas e nei campi situati lontano dalle grandi città, in questo articolo spiegheremo come trovare un lavoro e cosa fare per iniziare a lavorare in un paese poco conosciuto dell’area post-sovietica.


Lavorare in Kazakistan: il settore del gas e del petrolio

Il Kazakistan è una ex repubblica dell’Unione Sovietica, confina con la Cina, la Russia e con alcuni paesi dell’Asia centrale, ovvero il Kirghizistan, l’Uzbekistan e il Turkmenistan. In termini di risorse naturali il Kazakistan è tra i Paesi con la maggiore ricchezza pro capite al mondo.

Il settore petrolifero e del gas è un settore più sviluppato in Kazakistan. Circa 200 giacimenti di petrolio e gas si trovano in Kazakistan. Il volume totale delle riserve è stimato in 11-12 miliardi di tonnellate. Il 70% di queste risorse è concentrato nelle regioni occidentali del Kazakistan. I più grandi giacimenti sono:

  • Kashagan (localizzato nella porzione settentrionale del Mar Caspio, 80 km da Atyrau),
  • Tengiz (160 km da Atyrau),
  • Karachaganak (150 km da Uralsk).

La produzione e lo sfruttamento di tutti i giacimenti di petrolio e gas sono effettuati da diversi consorzi, comprendenti compagnie kazake e internazionali. Per esempio, Kashagan è gestito da NCOC; gli altri azionisti sono Eni, Royal Dutch Shell, Exxon Mobil, KazMunayGas, Inpex e China National Petroleum Corp. Il Tengiz è gestito da TCO ma c’e una forte presenza di Bonatti in questo campo. Il campo di Karachaganak è gestito da KPO che è un consozio tra Eni S.P.A – 29,25%, Royal Dutch Shell plc, – 29,25%, Chevron – 18%, Lukoil – 13,5% e KazMunayGas – 10%.

Lavorare in Kazakistan: requisiti

Allora cosa deve essere fatto e quale conoscenza bisogna possedere per iniziare a lavorare in Kazakistan:

  • Il possesso di un’istruzione tecnica, legale o economica. Maggiore preferenza è data alle specialità tecniche.
  • L’esperienza nella specialità scelta. I posti più richiesti sono: Planning Engineer, Electrical Engineer, Project Engineer.
  • La conoscenza dell’inglese è obbligatoria (almeno upper-intermediate). In Kazakistan si parla russo e kazako.
  • Il desiderio e l’opportunità di lavorare 28/28 o 6/2.

Allora cosa deve essere fatto e quale conoscenza bisogna possedere per iniziare a lavorare in Kazakistan:

ENI: https://www.eni.com/en_IT/careers/job-opportunities.page
Bonatti: http://www.bonattinternational.com/join-us
Sicim S.p.a: https://www.sicim.eu/it/lavora-con-noi/

O vai al sito delle società di selezione di personale (i siti sono in inglese):
Bolashak Atyrau: https://bolashak.com/vacancies?lang=en
Fircroft: https://www.fircroft.com/kz
Career holding: http://career-holdings.kz/
O al sito dove potresti vedere tutti li posti disponibili https://www.oilandgasjobsearch.com/

Marina Bassova

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati su Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito):

SI, voglio offerte di lavoro

CATEGORIES
Share This