Sospensione Rc auto 2020: di cosa si tratta e come funziona? Ecco le novità

Sospensione delle Rc auto, ecco la misura a sostegno degli automobilisti nel periodo di emergenza Coronavirus

Il decreto Cura Italia emanato dal Governo per contrastare il diffondersi del Coronavirus, contiene misure per le Rc auto. Le assicurazioni su auto e moto, con scadenza tra il 21 febbraio ed il 30 aprile 2020 saranno prorogate per altri 30 giorni. Vediamo di cosa si tratta, come funziona e chi può accedere a tale misura.


La sospensione Rc auto 2020: che cos’è?

ecobonus auto 2019

La sospensione Rc auto 2020 è una misura presente nel nuovo decreto Cura Italia, relativa alle assicurazioni di auto e moto. In piena emergenza Coronavirus, il Governo ha deciso di sostenere gli automobilisti costretti a rimanere a casa, con la proroga del Rc auto. Dopo la scadenza, le assicurazioni (per via dell’emergenza sanitaria in corso) avranno un’ulteriore validità di 30 giorni. Questo significa che dopo l’effettiva data di scadenza, gli automobilisti potranno continuare a circolare per altri 30 giorni. Proroga della scadenza e prolungamento della validità di assicurazioni auto e moto, il tutto per dare più tempo agli automobilisti di adempiere al proprio dovere di pagamento. La misura in questione vale solamente per le polizze Rc auto e moto con una scadenza prevista tra il 21 febbraio ed il 30 aprile 2020. Stando alle ultime stime, tutto questo andrà ad interessare circa 7-8 milioni di vetture.

Rc auto: la possibilità di pagare entro 30 giorni dalla scadenza

In circostanze normali, i proprietari di veicoli e moto, hanno la possibilità di pagare l’Rc auto entro 15 giorni dalla scadenza. Oggi, a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus, le cose cambiano. Misure a favore dei cittadini, delle imprese, dei lavoratori, delle famiglie ed anche degli automobilisti. Il decreto Cura Italia contiene misure relative l’assicurazione auto e moto. In particolare ci riferiamo alla possibilità di prorogare la scadenza Rc auto e prolungarne la validità fino a 30 giorni dopo la sua effettiva scadenza. In altri termini, i soggetti potranno pagare l’assicurazione dopo 30 giorni dalla scadenza, continuando a circolare senza problemi. Tuttavia, al termine del tempo massimo a disposizione, i cittadini sono tenuti ad adempiere agli obblighi di pagamento Rc auto.

Come pagare la polizza dopo 30 giorni dalla scadenza?

Trascorsi i 30 giorni di tempo, dopo la scadenza dell’assicurazione, gli automobilisti sono comunque tenuti a pagare. Possono fare ciò in due differenti modalità:

  • andando a rinnovare il contratto di assicurazione con la medesima compagnia assicurativa, pagando la mensilità passata, mentre la nuova polizza avrà la scadenza di quella originaria;
  • andando a sottoscrivere un nuovo contratto con un’altra compagnia assicurativa. In questo caso, il cittadino potrebbe anche beneficiare di un prolungato periodo assicurativo.

Nel caso in cui si verifichino degli incidenti, proprio nel periodo tra la scadenza della vecchia polizza e l’entrata in vigore della nuova, i sinistri stradali in questione sono a carico della prima compagnia assicurativa.

Emergenza Coronavirus e misure a sostegno dei cittadini

Quella delle Rc auto non è la sola misura varata a sostegno dei cittadini. Nei vari decreti che il Governo ha emanato nel corso delle scorse settimane, ci sono tante forme di aiuto rivolte alle realtà più colpite dall’emergenza Coronavirus. Basti pensare alla possibilità di sospendere le rate del mutuo sulla prima casa per un massimo di 18 mesi, oppure i congedi parentali straordinari per i genitori, che si trovano a dover accudire i figli a casa. Ed ancora, voucher baby sitter, assegni in aiuto ai professionisti, la cassa integrazione, i fondi messi a disposizione per sostenere il settore sanitario, nuove assunzioni straordinarie di personale medico-sanitario e tanto altro ancora. Le misure, siano esse restrittive che di sostegno alle imprese, cittadini, famiglie e lavoratori non mancano. Bisogna cercare di dare il massimo nelle situazioni di emergenza, impegnandoci tutti, dalle istituzioni ai singoli cittadini, che con il loro contributo possono fare davvero la differenza.



CATEGORIES
TAGS
Share This

Commenti

Wordpress (0)