Lavorare a Malta, opportunità, costo della vita e community italiane

Ecco cosa devi sapere prima di trasferirti: che visti servono, come cercare lavoro, il costo della vita e come trovare alloggio

Sempre più persone scelgono di lasciare l’Italia e trasferirsi all’estero, e Malta è una delle mete più ambite in tal senso. Potrebbe essere anche il tuo caso. Qualunque sia il motivo per cui stai pensando di vivere e lavorare a Malta, ci sono alcune cose che devi sapere, come quali sono i documenti che ti occorrono, qual è la situazione lavorativa a Malta, quali sono le città migliori per trasferirsi e quanto puoi guadagnare lì. È quello che vedremo in questa guida.


Trasferirsi a Malta: i documenti necessari

La prima e più importante cosa da sapere è quali documenti ti occorrono a Malta se decidi di trasferirti per lavorare lì. La buona notizia è che il tuo primo passo è reso più facile del previsto dalla legge e dalla burocrazia. Infatti per trasferirsi a Malta in maniera permanente, non è necessario richiedere o ottenere un documento particolare.

Il visto per i primi tre mesi

In questo il fatto di essere cittadino italiano e membro della comunità europea, ti agevola, perché ti permette di avere un visto che ti consente di vivere e lavorare nell’isola per un massimo di 3 mesi. Questo primo step potrebbe essere molto utile per valutare l’impatto che la tua decisione potrebbe avere in concreto. Se dovessi infatti accorgerti che la scelta non è stata delle migliori, potresti sempre tornare senza particolari problemi.
Qualora invece tu ti rendessi conto di aver fatto proprio la scelta giusta e desiderassi trasformare il periodo di permanenza provvisoria in un trasferimento permanente, ecco quali documenti dovrai procurarti.

I documenti personali

Ti basterà possedere il tuo passaporto o la carta di identità in corso di validità per poter risiedere a Malta. Ricorda però che dopo i primi 6 mesi, ti converrà di certo cambiare la tua residenza. Questo perché altrimenti perderesti i vantaggi fiscali del vivere nell’isola e continueresti (come cittadino maltese ma residente in Italia) a pagare, ad esempio, il canone alla Rai o la tassa sui rifiuti. La situazione invece cambia, ma non necessariamente diventa complicata, proprio nel caso in cui tu volessi rimanere più di tre mesi e lavorare.

Documenti necessari per lavorare a Malta

Vediamo adesso i documenti che ti devi procurare se vuoi aprire un’attività o hai trovato un impiego da dipendente a Malta.

  • Dipendente: se ti trovi a Malta perché sei stato assunto da una ditta locale, sarà il tuo datore di lavoro che dovrà attivarsi presso il cosiddetto ‘Direttore del Lavoro’, per farti avere un documento speciale che, a seconda del tipo di lavoro che stai svolgendo, potrà essere rinnovato dopo un anno o dopo tre anni;
  • Freelance o imprenditore: se ti trovi a Malta perché vuoi aprire una tua attività o lavori come freelance, devi come prima cosa aprire una posizione fiscale, quindi una Partita Iva, e un codice speciale chiamato ‘social security’, che si potrebbe paragonare al nostro codice fiscale. Inoltre dovrai registrare la tua impresa nell’apposito registro denominato ‘Employment & Training Corporation’, nonché nel ‘Registrar of Companies’, per il quale dovrai fornire un elenco degli eventuali collaboratori della tua azienda.

Come vedi in fondo non si tratta di un processo particolarmente lungo o complesso. Vediamo adesso però qual è la situazione lavorativa ed economica a Malta, perché un trasferimento di questo tipo richiede necessariamente di conoscere bene il paese nel quale si intende vivere e lavorare.

Malta: qual è la situazione occupazionale ed economica

Un altro punto molto importante da discutere è quale situazione troverai a Malta una volta trasferitoti lì. Ci sono molti benefici fiscali nel vivere nell’isola, e questo è il motivo per cui è anche più semplice trovare lavoro.
Si tratta in fondo di un circolo virtuoso. Se un imprenditore paga meno tasse, ha la possibilità di assumere più persone, e questo spiega perché a Malta si trova lavoro abbastanza facilmente. Allo stesso modo se tu come cittadino hai una situazione fiscale meno pressante, potrai spendere di più e contribuire a creare un’economia più florida. Ecco quali sono i punti chiave che rendono la situazione economica e lavorativa di Malta particolarmente stimolante. Il sistema fiscale di Malta, si potrebbe quasi dire, è concepito non per reprimere ma per sviluppare. Ecco perché si incentivano gli investimenti fiscali soprattutto da parte di chi proviene da un altro paese.

Se vuoi aprire un’attività a Malta, sappi che:

  • l’aliquota fiscale per le persone fisiche aumenta via via che aumentano i guadagni, ma non supera mai comunque il 35%;
  • l’aliquota d’imposta per le società non oltrepassa il limite del 35%;
  • non esistono trattenute fiscali;
  • non esistono tasse sui patrimoni;
  • non esistono tasse sulla proprietà;
  • l’IVA arriva al 18%.

Inoltre, se vuoi fare una ricerca preliminare sul lavoro che potresti trovare a Malta, ti segnaliamo a seguire alcuni siti molto utili specializzati proprio per far incontrare domanda ed offerta.

I principali siti in cui trovare lavoro a Malta

Ecco quali sono le principali aziende e agenzie attive a Malta per la ricerca di un lavoro:

  • la filiale maltese del noto sito Manpower. In questo caso l’azienda si occupa di mettere in contatto i futuri dipendenti con le ditte che stanno cercando determinati profili.
  • MaltaJobPort. Si tratta di un motore di ricerca del territorio, quindi maltese, specializzato per fornire annunci di lavoro visionabili per tipologia.
  • JobsinMalta. Offre annunci selezionabili in base al settore in cui si desidera un impiego.
  • CareerJet. Noto motore di ricerca per lavoro, esiste anche nella versione maltese.
  • VacanzyCentre. E’ una Agenzia per il lavoro attiva sul territorio e particolarmente specializzata per impieghi di tipo amministrativo.
  • ErremmeRecruitment. Offre la comoda distinzione tra lavori a tempo pieno ed occasioni part-time.
  • JobsPlus. Altro buon sito per cercare lavoro, che si caratterizza per essere un portale governativo, ricco quindi anche di informazioni ufficiali e pratiche per il mondo del lavoro.

Ma quali sono, a questo punto, le professioni più richieste a Malta? Questa informazione può esserti utile se non hai una tua attività da aprire ma cerchi un impiego da dipendente che ti dia sicurezza e che sia in linea con le tue predisposizioni. Vediamole.

Le professioni più richieste a Malta

Senza dubbio si tratta di:

  • sviluppatori informatici: che risulta essere sempre la professione più richiesta;
  • consulenti finanziari: per via delle ottime possibilità di investimento che si possono fare a Malta, quella del consulente finanziario è una professione molto ricercata;
  • tecnici manifatturieri: si tratta di coloro che fisicamente lavorano nell’assemblaggio soprattutto nel settore dell’elettronica;
  • agenti immobiliari: per via dell’alta compravendita di proprietà nell’isola, anche questa professione dona molti ambiti di sviluppo.

Le migliori città per trovare lavoro

Anche se abbiamo detto che Malta nel suo complesso offre molte occasioni di lavoro, ci sono dei centri nevralgici che più di altri offrono la possibilità di trovare un impiego. Per effettuare questa analisi devi tenere conto però anche di un altro fattore che va correlato a quello dell’offerta: il caro vita.
Non basta infatti sapere che in una certa città è più facile trovare un lavoro.
Si deve anche considerare quanto costa la vita in quella città e quanto costano gli affitti. Solo così potrai effettuare una seria analisi che comprenda sia i benefici che i costi.

Qualche esempio pratico

Cominciamo con una panoramica a seconda di quello che vuoi andare a fare a Malta. Poniamo il caso che tu voglia lavorare nel settore del divertimento, perché ad esempio vuoi aprire un’attività commerciale legata alla movida. Ancora, potesti voler aprire una scuola di surf a ridosso della spiaggia. Devi sempre valutare qual è il posto migliore a seconda del business che vuoi impiantare nell’isola, ma anche dei servizi che il tuo futuro quartiere potrà offrirti. In questo caso scegli senza dubbio:

Sliema e St Julian’s

vivere a sliema malta

Queste due ridenti cittadine si trovano proprio vicino alla spiaggia, e sono il cuore del divertimento maltese. Valuta anche un altro aspetto: in questa zona si trovano molte scuole di inglese. Questo potrebbe tornarti utile per due motivi. Innanzitutto qui si trovano molti ragazzi che vengono a studiare l’inglese a Malta, che potrebbero essere potenziali clienti.
In secondo luogo, tu stesso potresti abitare in una cittadina che ti offre scuole di inglese per migliorare il tuo. Valuta infine che i costi per l’affitto in queste zone si attestano ben al di sotto dei 1.000 euro, fermandosi in genere a non più di 700 o 800 euro al mese.

vivere a St Julian's Malta

Vediamo adesso una lista di altre cittadine in cui potresti trasferirti, spiegandotene poi il motivo. Si tratta di:

  • St. Paul’s Bay
  • Xemxija
  • Gżira
  • Qawra
  • Santa Venera
  • Msida.

Il motivo per cui te le abbiamo segnalate è che queste cittadine si trovano più verso il centro dell’isola, in zone più residenziali. In questo caso fanno per te se lavori ad esempio presso una ditta e alla sera hai bisogno di riposo e tranquillità, o ancora sei hai una famiglia e desideri vivere in un quartiere più a misura d’uomo.
Infine, se sei uno studente e vuoi trascorrere un periodo di studio all’estero, o magari stai avviando la tua attività ma vuoi ammortizzare i costi, potresti valutare la possibilità di dividere per qualche tempo casa con altri coinquilini del posto. In tal modo potresti non solo spendere meno, ma anche allenare il tuo inglese.

Quanto costa la vita a Malta?

Prendendo ad esempio le cittadine di cui ti abbiamo fornito un elenco precedentemente, proviamo a simulare il costo della vita reale sull’isola, a seconda delle zone e specificando i beni di consumo più frequenti e i costi da sostenere. Ad esempio; prendendo a riferimento Gzira, qui il costo della vita sarà il seguente:

  • 96 euro al mese per: tutte le utenze di un appartamento base di 90 meri quadrati;
  • 746 euro al mese per: l’affitto di un appartamento con una camera;
  • 1.210 euro a mese per: lo stipendio base al netto;
  • 1,52 euro per 1 litro di benzina
  • 1,35 euro per 1 mezzo chilo di pane.

Spostandoci a La Valletta, avremo:

  • 89,40 euro al mese per: tutte le utenze di un appartamento base di 90 meri quadrati;
  • 814 euro al mese per: l’affitto di un appartamento con una camera;
  • 1.129 euro a mese per: lo stipendio base al netto;
  • 1,38 euro per 1 litro di benzina
  • 0,95 euro per 1 mezzo chilo di pane.

Quanto si guadagna a Malta?

A proposito di stipendi, ecco quanto si può guadagnare a Malta a seconda delle professioni:

  • autista di autobus di linea: in questo settore si può iniziare con uno stipendio base di circa 1.095 euro al mese, al netto delle tasse. Via via che si continua a lavorare ovviamente aumentano sia i benefits che i soldi;
  • cameriere: in questo settore, spesso scelto dagli studenti che vogliono imparare l’inglese, la paga non è molto alta, attestandosi sui 5 euro all’ora su cui si pagano le tasse. In media si può arrivare a circa 8 – 9.000 euro l’anno;
  • operatore turistico: in questo settore si guadagna uno stipendio mensile di circa 5-600 euro al mese. Dipende tutto dalle proprie capacità, perché i migliori operatori possono arrivare anche a 8 euro l’ora;
  • tecnico informatico: di certo, come abbiamo detto sopra, questo è il settore più redditizio. Un bravo tecnico informatico arriva a guadagnare anche 1.800 euro al mese.

Quale lingua serve per vivere a Malta?

L’inglese, senza dubbio. Anche si sede specificare una cosa. Per via di una vicinanza geografica e culturale, molto maltesi parlano e capiscono molto bene l’italiano. Quindi il nostro consiglio è senza dubbio questo: se ti trasferisci a Malta per trovare lavoro e magari iniziare come lavapiatti in un ristorante, ti basterà parlare l’italiano ed avere qualche rudimento d’inglese, che potrai poi approfondire in una scuola certificata.
Tuttavia, se vuoi aprire un’attività a Malta o se hai trovato impiego in una società che opera a contatto con il pubblico non c’è dubbio: devi conoscere benissimo l’inglese.

Gruppi Facebook utili

Vogliamo darti infine alcuni link utili che possono aiutarti in questa scelta molto importante:

Nessuno conosce meglio Malta di chi già ci abita e ci lavora. Ecco perché questi gruppi possono esserti utili per chiedere informazioni a chi ha già fatto la tua scelta.

Video su vita e lavoro a Malta

Ti lasciamo infine con alcuni video che narrano di esperienze in prima persona.

In questo primo video una coppia di giovani italiani parla dei pro e contro di vivere a Malta:

Eugenio Benetazzo parla invece dei benefici fiscali di Malta:

Ora sta a te decidere se trasferirti e lavorare a Malta!

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati su Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito):

SI, voglio offerte di lavoro

CATEGORIES
Share This

Commenti

Wordpress (0)