Lavorare in Svezia: stipendi, lingua ed opportunità

Ecco tutte le informazioni principali su come stabilirsi in Svezia per ragioni lavorative e quali sono gli step burocratici per ottenere un'occupazione e prendere la residenza all'interno della nazione svedese.

La Svezia è conosciuta per essere una delle nazioni europee più civili e accoglienti verso gli immigrati. Le eccellenti possibilità di trovare occupazione in breve tempo, le retribuzioni sopra la media e i diritti dei lavoratori rientrano tra le motivazioni che spingono molti cittadini residenti in altri stati d’Europa a scegliere la Svezia come luogo in cui vivere stabilmente.


Documenti necessari per vivere e per lavorare in Svezia

Proprio come l’Italia, la Svezia fa parte dell’Area Shengen, ovvero l’accordo che prevede la libera circolazione dei cittadini provenienti da paesi appartenenti all’Unione Europea. La nazione scandinava, comunque, applica delle regole per quanto concerne i soggiorni che superano i tre mesi. Se per recarsi in Svezia per motivi di vacanza, di studio o in generale per periodi inferiori ai tre mesi è sufficiente portare con sé la carta d’identità, per stabilirsi nel paese bisogna munirsi di un passaporto elettronico non in procinto di scadenza. Per ottenere il diritto di soggiorno va eseguita una determinata procedura, la quale è cambiata nel corso degli ultimi anni. Fino a qualche tempo fa, infatti, bastava dimostrare una prova di domicilio per ottenere il personnummer, ovvero il codice fiscale locale, indispensabile per aprire un conto bancario, per avere accesso gli abbonamenti ai mezzi pubblici, per partecipare ai corsi gratuiti di svedese e per avere il diritto alla residenza.

Lavorare in Svezia

Il primo step previsto dalle procedure attuali consiste nel segnalare la propria presenza al Migrationsverket, ossia l’ufficio immigrazione, e dichiarare il motivo per quale si intende stabilirsi in Svezia. Le ragioni accettate sono i motivi di studio, il ricongiungimento con il proprio coniuge e l’aver ottenuto un lavoro oppure avere intenzione di cercarne uno. Nell’ultima circostanza si ha diritto solitamente a una residenza provvisoria che ha una validità di sei mesi, entro la quale bisogna dimostrare di aver trovato un’occupazione. Le procedure sono molto più rapide per coloro che hanno un impiego presso un’azienda con sede in Svezia, a prescindere che sia nazionale o estera: in questo caso la burocrazia è decisamente più snella. La registrazione all’ufficio di immigrazione per ottenere la residenza per motivi lavorativi ha un costo una tantum di 2.000 corone, la cui conversione si attesta a circa 180 euro.

Svezia: quadro generale su lavoro, economia ed occupazione

Il mercato del lavoro in Svezia vive una situazione altamente positiva, sia per quanto riguarda i cittadini svedesi, sia per quanto concerne gli stranieri. Il paese scandinavo, infatti, si impone come uno dei più multiculturali e accoglienti d’Europa e l’integrazione degli immigrati è tra le virtù della nazione. Anche la tutela dei lavoratori è considerata d’eccellenza: i contratti sono quasi tutti a tempo indeterminato e ben remunerati. I diritti dei lavoratori sono ampiamente rispettati: ad esempio è piuttosto veloce la richiesta del ricongiungimento familiare per coloro che sono titolari di un contratto di lavoro. Funziona in modo impeccabile il sistema contributivo, considerato esempio di trasparenza. La pressione fiscale è alta, ma garantisce ai lavoratori il diritto ad almeno cinque settimane annuali di ferie retribuite e a 480 giorni di ferie extra per le coppie con figli neonati. Il mercato del lavoro, inoltre, si dimostra equo per uomini e donne, dal punto di vista degli stipendi come da quello delle possibilità di fare carriera.

Per trovare lavoro in Svezia, il primo passo è rappresentato dall’iscrizione all’Arbetsförmedligen, l’ufficio di collocamento nazionale, il quale si occupa, inoltre, della somministrazione dei contributi destinati ai disoccupati. Naturalmente si tratta di una soluzione indicata esclusivamente per coloro che si trovano già all’interno del paese, visto che l’iscrizione all’ufficio di collocamento è da fare fisicamente. Per chi, invece, intende trovare lavoro dall’Italia, vi sono varie possibilità attraverso internet. Si suggerisce di rivolgersi innanzitutto alla rete Eures, la quale opera in collaborazione con gli uffici di collocamento e che funge da raccordo per le richieste e le offerte di lavoro destinate ai cittadini dell’Unione Europea.

Altro sito interessante dedicato alle ricerche di lavoro è The Local, il quale appartiene a un noto quotidiano svedese, che concentra giornalmente un elevato numero di richieste di lavoro.

Ulteriori siti indicati per trovare lavoro in Svezia dall’Italia sono:

I lavoratori stranieri hanno sbocchi occupazionali in diversi settori economici, tra i quali ti segnaliamo:

  • il ramo informatico: sono particolarmente richiesti, tra gli altri, gli sviluppatori di siti web
  • il campo sanitario: non faticano a stipulare un buon contratto figure di diverse tipologie, dai medici agli infermieri, dai veterinari ai farmacisti
  • gli ingegneri, in primis quelli specializzati nel ramo civile
  • gli insegnanti di italiano: in questo caso è bene rivolgersi all’ambasciata svedese in Italia per ottenere maggiori indicazioni
  • il settore della ristorazione: dalle mansioni più semplici come quelle di cameriere e di lavapiatti, per arrivare a incarichi più prestigiosi, come chef e ruoli dirigenziali.

Costo della vita e stipendi in Svezia

Il costo della vita in Svezia è più alto rispetto all’Italia. Ciò è giustificato da una migliore qualità dei servizi in generale e da un reddito pro capite più alto, che nel 2017 ha toccato gli annuali 51.700 dollari statunitensi, a differenza dell’Italia, che si è fermata a 38.200 dollari. Vediamo alcuni esempi di prezzi medi relativi all’acquisto di generi alimentari in Svezia:

  • un litro di latte: 1 euro
  • un chilo di pane: 3,5 euro
  • un chilo di pomodori: 1 euro
  • un bottiglia d’acqua da 1,5 litri a 1,4 euro
  • una bottiglia da 50 cl di birra nazionale: 2 euro
  • un chilo di formaggio locale: 8 euro
  • un chilo di riso: 2,5 euro
  • un chilo di banane: 2 euro
  • un chilo di carne: 13 euro

Ecco un quadro relativo all’acquisto dei principali beni e servizi in Svezia:

  • biglietto del cinema: 12 euro
  • abbonamento mensile in palestra: 35 euro
  • biglietto singolo per i mezzi pubblici: 2,7 euro
  • abbonamento mensile per i mezzi pubblici: 75 euro
  • affitto mensile per trilocale in zone centrali: 1300 euro
  • affitto mensile per trilocale in zone periferiche: 1000 euro
  • cena di coppia in un ristorante di medio livello: 50/70 euro

Come già detto, il maggior costo della vita è giustificato dagli stipendi. Ecco alcuni esempi:

  • insegnante: da un minimo di 2.400 euro fino a un massimo di 3.500 euro
  • medico: stipendio mensile che varia dai 3.500 ai 7.000 euro
  • operaio specializzato: stipendio che oscilla dai 2.300 euro fino a un massimo di 3.100
  • commesso: guadagna mediamente 2.300 euro mensili.

Base di lingua necessaria

La lingua ufficiale parlata in Svezia è lo svedese. Negli ultimi decenni il sistema scolastico nazionale ha puntato fortemente sull’insegnamento della lingua inglese, parlata in modo fluente da oltre il 70% della popolazione. Per determinate professioni, dall’operaio al lavapiatti, è sufficiente avere una conoscenza base dell’inglese. Per accedere ad altri mestieri, come il commesso, l’insegnante, il medico e per tutte le professioni legate al contatto con il pubblico, è raccomandata la dimestichezza con lo svedese. Il governo mette a disposizione dei lavoratori immigrati dei corsi gratuiti per apprendere velocemente i fondamenti della lingua e poter svolgere la maggior parte delle professioni senza alcun problema.

Principali città e focus su occupazione e ricerca lavoro

Sono diverse le città svedesi in cui potersi stabilire e trovare lavoro con facilità. Vediamo le tre principali della nazione.

Stoccolma

Stoccolma è la capitale della Svezia. Si tratta di una città cosmopolita e sempre attiva, in cui non mancano gli svaghi e gli intrattenimenti, dallo sport ai teatri, dai musei alle mostre d’arte, dai pub alle discoteche. Da sottolineare la bellezza paesaggistica e l’elevata qualità della vita, nonostante si tratti di una grande città. Le possibilità di trovare lavoro a Stoccolma sono piuttosto alte, anche se il costante aumento di immigrati provenienti da tutta Europa sta dando vita a una sovrappopolazione e a un leggero aumento della disoccupazione. I settori maggiormente richiesti sono quelli relativi alla ristorazione, al turismo e al campo medico. Tra gli svantaggi della capitale svedese vi è l’alto costo della vita, maggiore rispetto alla media nazionale. Tra i siti più utilizzati per trovare lavoro a Stoccolma vi sono Jobs in Stockholm e Glassdoor.

vivere a Stoccolma

Göteborg

Göteborg è la seconda città della Svezia. Il costo della vita è meno alto di Stoccolma e non mancano né le possibilità di svago né le opportunità lavorative: Göteborg, infatti, è celebre per essere una città ricca, fondamentalmente in virtù del suo porto, il più grande della Scandinavia, che ne ha agevolato gli scambi economici, ma anche per via dei tanti servizi offerti ai locali e ai turisti. Sono particolarmente richieste figure nel campo navale e in generale nel settore della tecnologia, considerando che Göteborg è il punto di riferimento nazionale a livello tecnologico.

Malmö

La terza città svedese è Malmö. Dal punto di vista lavorativo, Malmö si impone come un grande centro industriale, per cui trovare occupazione è piuttosto semplice, a prescindere dalla mansione che si intende svolgere. Sono richieste le figure nel settore medico così come quelle da operaio, con retribuzioni superiori alla media svedese. Varie offerte di lavoro si trovano su Expat e su iAgora.

Gruppi Facebook

Sia per coloro che intendono affrontare l’esperienza del trasferimento in Svezia, sia per gli italiani che già risiedono nella nazione scandinava, vi sono vari gruppi su Facebook per ricevere informazioni e per socializzare. I più importanti sono:

Video testimonianze di italiani in Svezia

Ecco alcune testimonianze di italiani che sono andati a vivere in Svezia per ragioni lavorative:

LAVORARE in SVEZIA: primo requisito!: in questo video Carlotta spiega come fare per aumentare le tue chances di trovare lavoro in Svezia!

Tre anni in Svezia! (Lingua, Svedesi, vita sociale…): una ragazza sarda racconta la sua esperienza di vita e lavoro in Svezia.

Ricomincio da Capo: Betty racconta il suo trasferimento in Svezia e come ha trovato lavoro.

Ora hai tutte le informazioni utili per decidere se andare a vivere e lavorare in Svezia, oppure puoi dare uno sguardo alla guida sulla vicina Norvegia, anch’essa nazione con un mercato del lavoro molto florido!

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati su Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito):

SI, voglio offerte di lavoro

CATEGORIES
Share This

Commenti

Wordpress (0)